Il conto corrente a zero spese: come funziona?

Negli ultimi anni si è sentito sempre più spesso parlare di conto corrente a zero spese, ovvero sia di una determinata forma di conto corrente bancario con zero spese di gestione, e quindi senza alcun canone e senza nessuna spesa fissa.

Come è facile immaginare, conti di questo tipo possono ridurre in maniera considerevole i costi di attivazione e quelli di gestione classici a cui va incontro un risparmiatore, tanto che ormai sul mercato sono davvero moltissime le banche che inseriscono, o sono pronte ad inserire, tra i propri piani anche conti della tipologia appena descritta.

Si tratta di una novità introdotta in particolare dalle banche online, sempre più svincolate dalle caratteristiche delle normali banche “vecchio stile”, con tutti i costi e gli obblighi che queste comportano: su www.contocorrenteonline.it puoi trovare le recensioni dei conti più utilizzati online.

Bisogna però prestare sempre la dovuta attenzione: ogni banca può infatti applicare a questa tipologia di conti condizioni, vantaggi o spese extra che è sempre bene valutare nel loro complesso, analizzando nel migliore dei modi l’offerta sul mercato e guardandosi sempre attorno senza abbassare la guardia.

Esistono però elementi comuni a tutti i pacchetti a zero spese offerti dalle maggiori banche, come ad esempio la possibilità di effettuare determinate operazioni online in maniera totalmente gratuita (per questo motivo nascono come conti “a zero spese” e vengono definiti in questa maniera), mentre fino a solo poco tempo fa la maggior parte dei movimenti bancari comportava ad ogni modo l’addebito di una commissione.

Abbiamo però a che fare con conti che spesso sono di tipo “basic”, e come tale essi non potranno essere utilizzati per operazioni di gestione del risparmio. Il conto a zero spese è infatti uno strumento fatto su misura per le operazioni più semplici quali, ad esempio, ricevere un bonifico o effettuare pagamenti. Svantaggi compensati però dai costi di gestione di cui abbiamo già accennato e da tutta una serie di servizi che comunque rendono simili conti molto utili in svariate situazioni, davvero flessibili e comunque perfetti per chi cerca il maggior risparmio possibile.

I servizi base offerti normalmente da tutte le banche che mettono a disposizione dei loro clienti un conto a zero spese, vanno dalla ricezione di un bonifico sul proprio IBAN, alla possibilità di effettuare i propri pagamenti, come utenze o tasse; è inoltre compreso anche l’utilizzo di una carta di debito (bancomat).

Tutto ovviamente gratuito, ma nel caso si dovessero chiedere servizi ulteriori e aggiuntivi (o si supera il numero di operazioni previste per il conto a zero spese) chiaramente scatterà un pagamento. Tra i vari servizi, non saranno invece incluse tutte le operazioni connesse alla gestione del risparmio.

Bisogna inoltre prestare particolare attenzione, al momento della stipula del contratto, al numero di operazioni possibili mensilmente a zero spese. Nei contratti di simili conti corrente dovrà essere chiaramente indicato il numero di operazioni entro le quali il conto corrente sarà gratis e quale sarà il costo delle singole operazioni una volta superata questa soglia.

Related Posts

Add Comment