I titoli azionari italiani: guida per investire in Borsa

Si è chiuso un anno non certo esaltante per quanto riguarda il mondo della Borsa, italiana ma anche mondiale. Quello che è appena entrato dovrebbe essere, per molti, un anno di riscatto seppure le incertezze che hanno portato al sali e scendi del 2016 siano ancora presenti.

Sono sempre più coloro i quali si lanciano negli investimenti in Borsa sospinti anche dalle proposte della rete che ha facilitato nettamente l’accesso a questo mondo. Un universo variopinto quello delle azioni, costituito da migliaia di proposte tra le quali barcamenarsi.

E proprio l’offerta sul web, che consente di fare trading online in azioni, ha reso ancor più interessante il panorama. Un’azione, come noto, è una parte del capitale di una azienda che va a quotarsi in Borsa: chi acquista un’azione ha diritto di ricevere a fine anno una quota degli utili di quella azienda in modo proporzionale al capitale acquistato. In sostanza le azioni possono essere un ottimo viatico per ottenere profitti finanziari.

titoli azionari italianiPer investire in modo profittevole è opportuno conoscere il vario mondo delle aziende quotate: e qui si apre un universo parallelo. Pochi sanno ad esempio di cosa si parla, in Italia, quando si fa riferimento al Ftse Mib: ovvero il principale indice di riferimento per i mercati azionari italiani, quello che include al proprio interno le azioni delle società ritenute le più grandi della Borsa italiana.

Tanto per fare un esempio, nel paniere del Ftse Mib sono inserite le azioni di Telecom Italia, Mediaset, Poste Italiane, Unicredit: in sostanza il top del mercato azionario italiano. Approcciarsi all’investimento in Borsa implica la conoscenza di queste realtà; il sapere cos’è un indice azionario; e soprattutto, come dicevamo, il conoscere le dinamiche che governano la Borsa.

Per restare sull’esempio del Ftse Mib di cui sopra, esso racchiude come detto le azione più grandi del mercato azionistico italiano; multinazionali di livello mondiale. Eppure a fronte di ciò il 2016 è stato, per l’indice Ftse Mib, un anno nero. Chi vi ha puntato ha visto scendere i propri risparmi.

Come è possibile? Un investitore alle prime esperienze sarebbe stato, anche giustamente, rassicurato leggendo i nomi dei colossi che compongono l’indice in questione. E invece così non è stato.
Questo perché la Borsa è un mondo estremamente complicato influenzato da tante componenti.

Il paniere del Ftse Mib ha vissuto un 2016 orribile in quanto trascinato da eventi legati all’attualità: e allora chi investe in azioni, soprattutto se lo fa nell’ambito del trading online, quindi tramite una piattaforma senza il supporto di un consulente esterno, deve conoscere la realtà di ogni singola azienda sulla quale sta puntando; e soprattutto deve sapere che, in caso di tensioni politiche negli Usa o nell’eventualità di oscillazioni del prezzo del petrolio, anche aziende italiane grosse e impegnate apparentemente in altri campi possono risentirne. Come effettivamente è successo nel 2016.

Ecco allora che va bene sperimentare il fai da te e lanciarsi in investimenti in Borsa online anche tramite strumenti paralleli (si vedano le Opzioni Binarie su tutti); ma sempre tenendo a mente questo elevato fattore di rischio.

Related Posts

Add Comment