Camini e stufe a bioetanolo: alternativa green per il riscaldamento

Camino a bioetanolo: come funziona?

Il camino a bioetanolo è una validissima alternativa al riscaldamento classico. In particolare non produce fumi e non necessita della canna fumaria. Inoltre, grazie a queste caratteristiche, non servono interventi periodici di manutenzione, potendosi limitare alla pulizia ordinaria che chiunque riesce a fare. Il liquido con cui viene alimentato viene messo in un apposito serbatoio e acceso, preferibilmente con un accendigas.

Esistono molti modelli di camino a bioetanolo, alcuni destinati alla funzione primaria di riscaldamento dell’ambiente, altri che vengono acquistati per scopi estetici di design. I camini portatili da tavolo appartengono agli elementi d’arredo decorativi e forniscono una modesta ma importante fonte di calore, per esempio su una scrivania o vicino alla postazione del divano.

Stufe a bioetanolo, pro e contro

stufe a bioetanoloPer un riscaldamento “green”, amico dell’ambiente, è possibile comprare un camino a bioetanolo, che funzionerà come un’altra tipologia alimentata a gas o a legna. Il vantaggio principale è la poca manutenzione necessaria. Inoltre sarà più che sufficiente un tubo di scarico di pochi centimetri, non necessariamente una vera e propria canna fumaria. Non ci saranno neppure ceneri da smaltire e la casa resterà perfettamente pulita anche in prossimità della stufa.

L’unico svantaggio può essere il rapporto calore/prezzo, poiché per raggiungere la medesima temperatura interna di un locale si spende nettamente di più rispetto ai sistemi di riscaldamento classici. Inoltre dovremo fare attenzione a dove mettere i flaconi di bioetanolo, rigorosamente fuori dalla portata dei bambini.

I consumi delle stufe a bioetanolo

Ci sono stufe a bioetanolo che sviluppano 1Kw/h, con un consumo inferiore a €1 per un’ora di riscaldamento. Si tratta, tuttavia, di prodotti destinati più che altro all’estetica. Per le stufe da 2-3Kw/h il costo medio si aggira intorno a €2 l’ora e si può riscaldare una stanza di medio-piccole dimensioni.

I vari modelli di camino a bioetanolo 

Esistono modelli di camino a bioetanolo molto differenti tra loro: da parete, da incasso, da terra, angolare:

  • I camini da parete vengono installati all’interno delle pareti divisorie delle stanze, talvolta anche nella versione bifacciale, per garantire una fonte di riscaldamento in entrambi i locali.
  • I camini a bioetanolo da incasso vengono installati come gli altri modelli a legna o pellet, incassandoli nel muro e facendoli funzionare come un caminetto classico. Spesso all’interno vengono collocati elementi decorativi che riproducono l’interno del focolare, con la legna e i sassi.
  • I camini da terra vengono sistemati sul proprio supporto.
  • I camini angolari sono adatti all’angolo di una stanza, sia per fini estetici che per riscaldare l’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Come è cambiata la quotazione dell'oro in questi ultimo periodo?

Mer Dic 28 , 2016
L’oro è una delle forme di investimento più diffuse in tutto il mondo, in particolare nel nostro paese trova una grande diffusione. Ecco perché diventa molto importante conoscere la quotazione di questo bene rifugio, soprattutto […]
quotazione dell'oro